Il QRCode della Agenzia delle Entrate per la fattura elettronica

Photo by Markus Spiske on Unsplash
Per agevolare la predisposizione e l’invio delle fatture elettroniche tramite SdI, l’Agenzia delle Entrate rende disponibile un servizio che consente ai contribuenti titolari di partita Iva di generare un codice a barre bidimensionale da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta. Grazie al codice Qr, il fornitore, al momento della predisposizione della fattura, potrà acquisire in automatico i dati del cliente - compreso l’indirizzo prescelto per il recapito - in modo veloce e senza il rischio di commettere errori. Per creare il proprio QR-Code basta accedere al portale “Fatture e Corrispettivi” o collegarsi al proprio cassetto fiscale. Il codice, che può essere generato, su delega del contribuente anche da un intermediario, può essere salvato in formato pdf e stampato o memorizzato sul proprio telefono cellulare. I dati anagrafici Iva contenuti nel QR-Code sono quelli validi al momento della sua generazione: in caso di modifica del numero di partita Iva o dei dati anagrafici è importante, quindi, distruggere il vecchio QR-Code e generarne uno nuovo.

Infoesse srl ha predisposto una APP per la lettura dei dati del QRCODE che permetterà agli utilizzatori del software "EsseSmart" di importare direttamente le informazioni nell'anagrafica clienti del gestionale, in locale nel proprio applicativo. L'applicazione verrà pubblicata a breve sugli store, ma è disponibile un breve video di presentazione:


Commenti